ASCOLI PICENO – Martedì 27 settembre, alle ore 20.45, continua la rassegna Trami di Misericordia – Testimonianze e film per un percorso giubilare. Per l’opera di misericordia Insegnare agli ignoranti, verrà proiettato Francofonia (2015, 90’) di Aleksandr Sokurov con Louis-Do de Lencquesaing e Benjamin Utzerath. Il film narra di Jacques Jaujard, conservatore in carica nel momento in cui la Francia fu occupata dai nazisti. Il conte Franziskus Wolff-Metternich era invece l’uomo mandato da Berlino per ispezionare l’inestimabile patrimonio artistico del museo parigino e trasferirne in Germania una parte. I due erano molto diversi, un funzionario e un aristocratico, e molto nemici, ma collaboreranno per preservare i tesori dell’arte e ciò che rappresentano. Sono loro a cui pensa Sokurov, nel realizzare un film sul Louvre, ma anche a Napoleone e alla Marianne, fuoriusciti dai dipinti, all’Hermitage e all’assedio di Leningrado, e a un mercantile che viaggia nella tempesta, come una moderna arca, con un carico di quadri che rischiano di finire per sempre in fondo all’Oceano. Sokurov va oltre l’idea del museo come contenitore per preservare l’arte e ne canta in questa elegia la natura di ritratto di una nazione e di un continente, codice genetico identitario.

Proprio per approfondire il valore dell’arte come strumento di cultura il film sarà introdotto da due esperti del settore: S.Ecc.za Mons. Stefano Russo, ascolano, Vescovo di Fabriano-Matelica, già direttore dell’ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici della CEI e il prof. Stefano Papetti, Conservatore delle collezioni comunali di Ascoli Piceno e direttore della Pinacoteca Civica, della Galleria Civica di Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” e del Museo dell’Arte Ceramica, docente di Museologia e Restauro dei Beni Culturali presso l’Università degli Studi di Camerino e Presidente della Fondazione Salimbeni di San Severino Marche. Mons. Russo e il prof. Papetti si intratterranno con il pubblico anche al termine del film per un dibattito.

Domenica 2 ottobre altro importante appuntamento. E’ uscito nelle sale il 22 settembre scorso “La vita possibile” di Ivano De Matteo. Il film, molto apprezzato dalla critica, narra di Anna, in fuga da un marito violento, e con il figlio Valerio sono accolti a Torino in casa di Carla, attrice di teatro e amica di Anna di vecchia data. I due cercano di adattarsi alla nuova vita tra tante difficoltà e incomprensioni, ma l’aiuto di Carla e quello inaspettato di Mathieu, un ristoratore francese che vive nel quartiere, gli faranno trovare la forza per ricominciare.

Ivano De Matteo aveva promesso di essere presente ad una delle proiezioni presso il CineTeatro Piceno ma un imprevisto lo ha costretto a rinunciare anche ai viaggi programmati in Francia e in Corea per presentare il film quindi, ovviamente, non potrà essere presente ad Ascoli ma ha voluto ugualmente onorare la promessa per cui domenica 2 ottobre, alla proiezione delle 18.30 presenterà lui stesso il film collegandosi in diretta via skype con il Cinema Piceno.

(Letto 144 volte, 1 oggi)
(Letto 144 volte, 1 oggi)