SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ancora un interessante appuntamento con gli spettacoli teatrali curati dall’attore e regista Vincenzo Di Bonaventura per la rassegna “Di Martedì” inserita nella stagione culturale dell’Associazione Blow Up di Grottammare “La bellezza (condivisa) salverà il mondo”.

Per il prossimo appuntamento, previsto martedì 15 novembre alle ore 21.15, presso il Dep Art di Grottammare (piazzale stazione), Vincenzo Di Bonaventura metterà in scena il monologo “L’esodo” tratto dal romanzo “Canale Mussolini” di Antonio Pennacchi (Premio Strega 2010).

Si tratta della storia dei Peruzzi, una delle tremila famiglie che, a partire dal 1932, si trasferiscono dal nord Italia al Sud. Un esodo, un’emigrazione interna di senso inverso a quelle che avverranno, alcuni decenni più tardi, durante il boom economico alla fine degli anni cinquanta. Per tre anni di seguito parte un treno al giorno e trentamila persone si stabiliscono nelle terre “redente” dell’Agro Pontino, dove fino a pochi mesi prima regnavano la palude, la malaria e la morte. Lì, dove vivevano una cinquantina di briganti per sfuggire alla legge, germoglia la vita umana e si forma un nuovo popolo, quello veneto-pontino.

La lingua narrativa di Pennacchi è vivissima, ironica e travolgente, talvolta dantesca e spavalda, sempre diretta e con precisi innesti dialettali che le danno ancora più forza: l’interpretazione che ne offre Vincenzo Di Bonaventura è come al solito densa, profonda e potente. L’ingresso costa 5 euro con tessera-abbonamento alla Federazione Italiana Cineforum 2016-2017, rilasciata dall’Assocazione Blow Up al costo di 10 euro, che può essere sottoscritta velocemente all’ingresso. La tessera F.I.C. consentirà poi di partecipare liberamente a tutte le iniziative del ricco calendario della rassegna.

(Letto 92 volte, 1 oggi)