Il CANZONIERE PICENO-POPULARIA è nato nel 1974 e fin da allora la sua ricerca musicale si è fondata sullo studio, il recupero e la rielaborazione – a volte conservativa, a volte innovativa – delle culture tradizionali, in particolare quelle del Piceno. A questa prima fase sono legate produzioni musicali, come il disco LP Pecorale maledetto (entrato a far parte del
patrimonio della Discoteca di Stato), del 1979, che propongono brani significativi della trad…izione contadina ormai quasi perduti dalla memoria delle nuove generazioni. Da allora il Canzoniere ha continuato a raccogliere un rilevante numero di brani, molti direttamente sul campo, completandone la valenza ed il senso attraverso lo studio di documenti storici e materiale iconografico. Questa attenzione al valore globale del materiale musicale tradizionale ha permesso al gruppo di allargare la ricerca e la produzione a molte aree geografiche dell’Europa e del Mediterraneo. Da questa integrazione culturale sono nati lavori come Popularia, La battaglia di Lepanto, Ulisse ed altri.
Per un lungo periodo il Canzoniere si è occupato anche di musica medioevale allo scopo, soprattutto, di approfondire i legami e le analogie culturali tra la musica dei trovatori, delle Cantigas, dei Carmina burana, delle karijas e la musica popolare, con particolare attenzione alle influenze arabe che ispirarono tutti i generi in voga nel medioevo.
Nel periodo più recente il gruppo è tornato ad occuparsi di musica popolare Picena riprendendo la produzione di lavori basati su brani musicali sia appartenenti alla tradizione
che scritti interamente in proprio.
Due brani di questo periodo sono inseriti nel cd dedicato alle Marche dalla collana ‘Tribù Italiche’ allegato alla rivista WorldMusic Magazine.
Gli ultimi lavori prodotti sono i cd Viaggio in terza classe del 2006, Per terra e per mare del 2009, Hic sunt leones del 2010.

(Letto 72 volte, 1 oggi)