Dal 6 all’8 settembre prossimi appuntamento con la XVIII sagra della patata di Palmiano. Una ricca varietà di piatti sarà preparata all’insegna del tubero per antonomasia e più usato in cucina dalle nostre massaie, per appagare il palato dei commensali. A tavola, leccornie da degustare: gnocchi con salciccia, gnocchi con funghi, spezzatino di castrato con patate alla diavola, patatine fritte, baccalà norvegese con mire poix di patate novelle, cestino di patate al dolce incanto del fungo, salciccia e patate al forno nonché ciambelline dolci di patate.

“Un sentito ringraziamento – rimarca il sindaco Giuseppe Amici – va a tutti quelli che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione ed in particolare alla locale Pro Loco”. All’interno della sagra previsto anche un convegno sulla “La patata: prospettive per un tesoro nascosto”. La tavola rotonda si terrà venerdì 6 settembre prossimo alle ore 16 presso la locale Ludoteca comunale. Dopo i convenevoli di rito, il sindaco Giuseppe Amici introdurrà i relatori. Valentino Ferrari, Direttore Ur 13 Orticultura di Monsampolo del Tronto (Risultati della ricerca nel recupero di biodiversità). Cristian Nuzzi, ricerca e sviluppo Pizzoli Spa (Ricerca agronomica e merketing nella filiera della patata). Agostino Agostini (Idoneità e limiti dell’ambiente pedoclimatico). Roberta Zachmann, azienda agricola La Vettorella. Interverranno, per i saluti e nelle vesti di ospiti istituzionali della Provincia di Ascoli Piceno, il presidente Piero Celani e il funzionario del servizio agricoltura della Provincia Egea Latini.

(Letto 153 volte, 1 oggi)