CONDUZIONE
Lajos Talamonti con la collaborazione di Enoch Marrella ed Edoardo Ripani.

A CURA DI
Nessunteatro (Matteo Ripari e Silvia Vagnoni) – Blow Up.
Nell'ambito della rassegna permanente e itinerante "No Man's island – Solitudini da osservare".

ISCRIZIONI
https://docs.google.com/forms/d/1lP7N6hca2bTWcWVtsgmqi3b4VjAOClRZy6A3Ur7HvAU/viewform?usp=drive_web&edit_requested=true

"Ho tirato su le mie quattro ossa
E me ne sono andato/a Berlino/
Come un acrobata sull'acqua".

CONTENUTI DEL WORKSHOP
La città è un´idea. Ogni edificio, ogni via, ogni spazio verde sono prima pensati e poi creati dall’uomo. Tutto è intenzione.
Con le sue armonie e contraddizioni, questo enorme complesso di infrastrutture sviluppa costantemente una volontà di messa in scena.
Da una parte rappresenta l’idea del proprio tempo e dall’altra mostra il pensiero dei tempi passati.
Inoltre, là dove il controllo del territorio diminuisce, si manifestano possibili idee future, quello che potrebbe diventare la città.
Lo spazio urbano fa delle dichiarazioni psicopolitiche su come dobbiamo vivere, sentire, muoverci e pensare in essa.
Se osiamo guardare la città da un´angolatura estranea, con uno sguardo fuori dalle nostre abitudini, possiamo crearci spazi di azioni alternative.
Qui è in gioco la riconquista emotiva della propria città.
Con la tecnica della trascrizione e della reinterpretazione del reale, si intrecciano l´immaginazione interiore e la realtà esterna in una città immaginata e surreale, formata dai fantasmi, dalle nostalgie e dagli incubi degli abitanti.
  Il workshop, oltre a trasmettere un’istruzione dello sguardo, intende fornire tecniche utili alla creazione di testi e personaggi per interventi teatrali nello spazio urbano. Queste tecniche sono anche da intendersi come esercizi di straniamento per progetti d’emigrazione.

Età minima 16 anni.
N. partecipanti: 15
Costo: gratuito previa iscrizione all'Ass. Cul. Blow Up (tessera 10 euro).

Lajos Talamonti inizia il proprio percorso teatrale come assistente alla regia alla Volksbühne am Rosa-Luxemburg Platz di Berlino. La sua ricerca, basata sui linguaggi contemporanei, lo porta a collaborare con diversi teatri berlinesi: Sophiensaelen; HAU; Gorki Theater; Theater an der Parkaue. Nell’ottica di una costante ricerca sui rapporti tra teatro, società, scienza e città, fonda la piattaforma di produzione performativa urbana Urban Lies, aperta a numerosi artisti internazionali. Il progetto più importante della piattaforma è «Ersatzverkehr», performance che gira l’Europa dal 2002.

Enoch Marrella ed Edoardo Ripani lavorano entrambi come attori tra Roma, le Marche e l’Europa ed hanno partecipato alla versione

(Letto 58 volte, 1 oggi)