Diciassette passi nel buio. Preti assassini. Padri picchiatori. Ispettori iena. Mele avvelenate. E la marea sconfinata di un remoto precipizio.

A distanza di due anni dall’esordio di “C’era una volta il deserto” torna la strana coppia formata dal giornalista Luca Capponi e dal bandito Tuco Ramirez. Stavolta alla prese con il lato oscuro dell’anima. Il nuovo libro del duo si intitola infatti Inchiostro nero – 17 storie sporche di vita (Lìbrati) e verrà presentato il prossimo 25 maggio alle ore 18 presso la libreria Rinascita di Ascoli Piceno.

«Questo libro nasce da una caduta, da uno sprofondo improvviso, dallo spalancarsi di una voragine. -raccontano gli autori- Ci siamo trovati a vagare nei recessi oscuri cercando un appiglio per sopravvivere, una speranza. E invece siamo stati travolti dalla eterna lotta tra luce e buio, bene e male, bianco e nero. Abbiamo rischiato la pelle sporcandoci mani e cuore, cercando la via con una sola netta sensazione: l’uomo è un concentrato di violenza, pazzia e furbizia ma a volte è capace anche di pietà e perdono, l’uomo è una grande sfumatura sulla tela della vita».

Inchiostro nero si compone di diciassette episodi in bilico tra giallo e thriller, noir e racconto psicologico, pagine dove anelli senza diamanti si nascondono nelle mele di Bette Davis, dove investigatori cocainomani inseguono iene fasulle, ladri imprendibili e preti assassini. Dove i Led Zeppelin senza Bonzo Bohnam incontrano George Harrison e Sergio Leone prepara proiettili da scagliare contro convinzioni di cartapesta.

Durante la presentazione di Inchiostro nero, oltre gli stessi autori, ci sarà spazio per un nutrito gruppo di ospiti capitanato dall’attore/regista Alessandro Marinelli, a cui spetterà di dare corpo e voce ai personaggi del film.

 

(Letto 143 volte, 1 oggi)