La Quintana è l’evento che più contraddistingue la città di Ascoli Piceno e ne rappresenta l’essenza. L’edizione che si sta per rivivere in questi giorni, affonda le sue radici in uno statuto del 1377.

La Quintana moderna nasce nel 1955 e sabato 26 luglio alle 11 ore viene presentato il Palio mentre nel pomeriggio viene effettuata la lettura del bando con un sontuoso corteo storico composto da 1500 figuranti che muove dal palazzo dell’Arengo con il banditore che gira per le vie del centro annunciando la Giostra in onore della Madonna della Pace. Il corteo rappresenta la realtà cittadina nelle sue diverse componenti sociali, dai nobili al popolo passando per gli artigiani e i cavalieri. Con questa lettura il banditore sfida, ancora in lingua volgare, tutti i Sestieri per la conquista del Palio.

Il 3 agosto invece avrà luogo la Quintana vera e propria, con la giostra medievale in cui i Sestieri che compongono la città, si sfideranno in un rito antichissimo per la conquista del Palio, ovvero il pregiato drappo dipinto che nei tempi antichi finiva tra le mani del vincitore.

(a cura di Andrea Angelozzi)

(Letto 177 volte, 1 oggi)