L’incontro inizierà alle ore 17.30 all’Hotel Calabresi.
Interverrà, insieme all’autore, il Prof. Carlo Vittori.

Alla fine degli anni Settanta Vladimir “Volodja” Jaščenko sembrava destinato a dominare a lungo il panorama del salto in alto. Invece, così com’era apparso all’improvviso, dopo appena due anni sugli scudi scomparve repentinamente, quasi inghiottito dal nulla. Bellissimo, talentuoso e anticonformista, Volodja non solo fu un grande protagonista dell’atletica mondiale, ma anche un personaggio fuori dai rigidi schemi dell’Urss brežneviana, che emerse in tutta la sua fragilità di fronte ad un grande sogno spezzato.

(Letto 195 volte, 1 oggi)