Nella trama, Jonathan Harker parte per la Transilvania per trattare un affare col conte Dracula. Riportato in vita, Nosferatu semina la peste in Olanda, ma Lucy la moglie di Jonathan, lo sconfigge sacrificando la sua vita.

Prelevando movenze dal cinema muto degli anni venti e surclassando il lungo elenco di pellicole dedicate all’elegante conte Dracula, Herzog compone a 35 anni un’opera unica per finezza stilistica e semplicità espressiva.

Accanto all’istrionica presenza di Klaus Kinski, è doveroso ricordare una Isabelle Adjani di rara bellezza, luminosa, eterea, ma anche cupa e determinata, moderna eroina pronta a tutto pur di sconfiggere il male e Bruno Ganz, che riesce a rimanere tra le righe per tutto il film interpretando il ruolo del principe coraggioso, ma in grado di emergere improvvisamente in un geniale colpo di coda che raggela. Commovente, profondo, potente, romantico: un capolavoro senza tempo.

Tutti gli appuntamenti della stagione sono gratuiti una volta effettuata l’iscrizione all’Associazione Culturale Blow Up al costo di 10 euro.

(Letto 191 volte, 1 oggi)