MONTEPRANDONE – La rassegna storico-culturale e rievocativa “La cucina dello spirito” nel 2015 compie 10 anni, un percorso ormai lungo e significativo di attività, iniziative, proposte, partecipazioni ad eventi importanti italiani ed internazionali, riscontri notevoli e gradimento di pubblico, di stampa e di esperti, tra i quali i molti studiosi che hanno collaborato al progetto nel tempo, a vario titolo.

Come ormai consuetudine ben radicata il suo calendario annuale riparte anche quest’anno con l’ormai immancabile e tradizionale appuntamento dedicato alla quaresima, ai riti nei chiostri ed alle consuetudini alimentari nelle mense dei refettori durante questo periodo dell’anno liturgico, assai significativo per l’esperienza monastica e non solo.

In attesa degli appuntamenti e delle proposte importanti che scandiranno il calendario di questo notevole anniversario la stagione 2015 si apre con la consueta cena storico-rievocativa tutta dedicata al periodo del “magro” comandato, in programma sabato 28 marzo alle ore 20.30 presso il ristorante dell’Hotel San Giacomo, dal titolo “La quaresima dei monaci, memorie ed esperienze dal XII al XXI secolo”.

In questa serata conviviale, rievocativa di antiche documentazioni ed esperienze monastiche, le portate proposte dimostreranno come nel tempo la tavola quaresimale, anche nelle comunità di religiosi, si sia fatta sempre meno rigida e sempre più affinata nel gusto, sfruttando le possibilità e le concessioni a disposizione.

Si compirà così un itinerario di un millennio, da un’ inconsistente ed acquosissima minestra vegetale del XII secolo fino ad un dolce assolutamente contemporaneo e quindi virtuale predisposizione al futuro, creato per l’occasione da questo gruppo di lavoro, in onore e memoria di San Giacomo della Marca, orgoglio storico di Monteprandone e personaggio ispiratore di questo progetto, ormai decennale, della “Cucina dello Spirito”.

(Letto 267 volte, 1 oggi)