FOLIGNANO –  Domani , sabato 11 aprile con inizio alle ore 17.30 nel suggestivo scenario del Museo Archeologico-Antiquarium di Folignano si svolgerà la presentazione della pubblicazione “Folignano 1861: tra Unità e brigantaggio” a cura di Erminia Tosti Luna e Daniele Ricciotti.

Si tratta di una ricerca storica che ha attinto da una ricca varietà di documenti sul fenomeno brigantaggio reperiti presso l’Archivio di Stato di Ascoli Piceno, l’Archivio diocesano e della parrocchia di Folignano, per ricostruire, sullo sfondo del periodo unitario, le vicende che si sono svolte nel centro folignanese e nei territori limitrofi nel recente passato.

Erminia Tosti Luna ricostruisce il vissuto e la quotidianità dell’epoca tracciando un quadro organico relativo alla vita socio-economica e alle vicende che, raccontanti con dovizia di particolari, tratteggiano con grande realismo la Folignano nel periodo unitario.

Gli atti degli interrogatori, le sentenze di condanna e i resoconti delle scorribande sul territorio di Folignano ad opera di briganti o di cittadini residenti accusati di esserne complici, invece, sono stati la base su cui Daniele Ricciotti ha indagato per restituire alla luce nomi, vicende e intrighi che hanno interessato folignanesi e personaggi illustri come Bernardo Stramenga.

Il volume, disponibile per la vendita presso il Comune di Folignano e l’editore Palumbi, oltre che nei maggiori Internet book store, è impreziosito dall’introduzione del professore Marco Severini e da un saggio sulla storia del confine tra Regno di Napoli e Stato Pontificio – dove Folignano ha rappresentato da sempre una terra di passaggio per l’una e l’altra via – scritto dal professore Costantino Di Sante.

Chiudono il libro un saggio della dottoressa Laura Ciotti e un repertorio fotografico con la riproduzione integrale del materiale messo a disposizione dall’Archivio di Stato di Ascoli Piceno.

Il libro è patrocinato dall’Archivio di Stato di Ascoli Piceno e pubblicato dal Comune di Folignano con il contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Provincia di Ascoli Piceno, e si fregia del logo ideato per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia, ottenuto nel 2011, anno di avvio delle ricerche.

(Letto 100 volte, 1 oggi)