CUPRA MARITTIMA – Per la terza tappa del giro nelle città che ospitano l’Expo di arte contemporanea 2015, il 23 maggio il tour di Marche Centro d’Arte fa tappa a Cupra Marittima. Momento centrale della giornata sarà la reinaugurazione di Minima curvatura (Il tempo come differenza) sezione a cura di Anna Rita Chiocca che presenta le opere di Francesca Gentili, Giovanni Presutti. Josephine Sassu, Marco Scozzaro. La mostra è ospitata presso la Stazione ferroviaria – ex spogliatoi (Piazza della Stazione). Il tour proseguirà poi nelle settimane successive toccando le altre città che ospitano le mostre

I tre piani che costituiscono l’Expo (l’arte, la scuola e il territorio) si troveranno a dialogare e saranno messi in comunicazione tra di loro, cercando di avvalorare l’idea che è alla base di Marche Centro d’Arte: l’arte come elemento aggregante del territorio.

Il progetto territoriale inizia una nuova fase con la presentazione della Conferenza-Spettacolo “Quando i Piceni divennero Romani” – Regia teatrale: Paolo R. Maria Aceti, a partire dalle ore 9 del mattino. La storia e l’archeologia incontrano la scuola, e alla rappresentazione prendono parte alcuni degli studenti dell’ISC di Cupra Marittima (Classe 5ª C).

Alle 16.30 sarà invece reinaugurata la sezione offidana dell’Expo Minima curvatura (Il tempo come differenza) a cura di Anna Rita Chiocca. La mostra sarà presentata dalla critica Valentina Falcioni. A questa farà seguito la visita guidata al borgo e la cena presso il ristorante Castello a Cupra Marittima (per info e prenotazioni: 348 3369040)

Durante la visita al borgo sarà inoltre possibile visitare il Marano Fantasy Fest che si svolgerà a Marano il 23 e 24 maggio presso il borgo di Marano a Cupra Marittima: due giorni interamente dedicati a Tolkien, con Cosplay, Concerti, Caccia al Tesoro, Tiro con l’Arco e molto altro.

L’Expo Marche Centro d’Arte, per la sua V edizione, celebra l’attività ventennale della Galleria Marconi di Cupra Marittima. Nasce così il progetto Avere vent’anni, che crea un filo rosso attraverso le varie sezioni: uno sguardo a 20 anni di storia, ma con la testa proiettata verso il futuro. Per l’occasione la Galleria Marconi ha lanciato anche il suo nuovo sito internet www.galleriamarconi.it.

(Letto 161 volte, 1 oggi)