SAN BENEDETTO DEL TRONTO – A 18 giorni dall’inizio della San Benedetto Tennis Cup, che quest’anno ha il montepremi più alto di sempre, con a disposizione 64.000 euro più ospitalità, l’ATP ha diramato l’entry list del torneo che si disputerà al Circolo Tennis Maggioni dall’11 al 19 luglio 2015. Sei top-100 si sono iscritti al torneo marchigiano, che al momento ha lo spagnolo Albert Ramos-Vinolas (attualmente numero 64 del mondo, ma ex numero 38) e il francese Benoit Paire (numero 67 e pochi mesi fa nei top-25) a capeggiare nell’elenco delle teste di serie. Ad impreziosire il campo dei partecipanti della San Benedetto Tennis Cup, il serbo Dusan Lajovic (numero 84), il bosniaco Damir Dzumhur (numero 87, vincitore della scorsa edizione), il toscano Paolo Lorenzi (numero 88) e lo sloveno Blaz Rola (numero 93). Dall’organizzazione del torneo filtra anche un certo ottimismo di poter avere a San Benedetto, con una wild card dell’ultimo minuto, altro grande nome del tennis, che sarebbe la ciliegina sulla torta ad un’entry list che nei Challenger in Italia non si vedeva da diverso tempo. Oltre a Paolo Lorenzi, ci saranno almeno altri sei tennisti italiani nel Main Draw del torneo al CT Maggioni: Marco Cecchinato, Luca Vanni, Filippo Volandri, Matteo Viola, Thomas Fabbiano, e l’astro nascente del tennis azzurro Matteo Donati. Fuori di una posizione Roberto Marcora, quindi quasi certa la sua partecipazione.

Una entry list che soddisfa, e non poco, il presidente del CT Maggioni Afro Zoboletti, orgoglioso di vedere il torneo del proprio circolo crescere in maniera esponenziale: “La preparazione a questa edizione 2015 è stata entusiasmante, piena di stimoli e motivazioni: il primo upgrade a 50mila dollari, poi il secondo a 75mila dollari neanche due settimane dopo, la data favorevole nel calendario, l’interesse sempre più crescente degli sponsor e poi questa fantastica entry list per il torneo del CT Maggioni. I presupposti ci sono tutti affinché sia un grande torneo e da parte del Circolo Tennis Maggioni c’è un impegno forte: avremo ben due campi illuminati e per gli anni a venire abbiamo un progetto ancora più maestoso, con un restyling dell’intero club e l’ampliamento del centrale per renderlo pronto ad accogliere manifestazioni sempre più importanti. Ma dobbiamo poter contare sul forte appoggio delle istituzioni, perché ci siano accanto nella rapida crescita del torneo ATP Challenger di San Benedetto e nella consapevolezza della necessità di modernizzare la struttura che necessita di spazi distribuiti in modo intelligente: serve al nostro tennis ma serve soprattutto alla nostra meravigliosa città”.

(Letto 148 volte, 1 oggi)