ASCOLI PICENO – Ascoli Musiche è la nuova ricca, articolata e varia stagione musicale nata su iniziativa del Comune di Ascoli Piceno con Amat, Società Filarmonica Ascolana, Associazione Coro Ventidio Basso e Ascolipicenofestival.
I magnifici spazi della città – Auditorium Montevecchi, Auditorium Polo Culturale Sant’Agostino, Cattedrale Basilica di Sant’Emidio e Teatro Ventidio Basso – si offrono per accogliere i numerosi appuntamenti di diversa natura per un’offerta musicale a 360 gradi.

Riprende l’attività della Società Filarmonica Ascolana diretta da Gianluca Sulli con quattro importanti appuntamenti che aprono l’attività concertistica 2016 e che si svolgono tra i mesi di febbraio e aprile. Anche per quest’anno si rinnova il rapporto artistico con l’Istituzione Sinfonica Abruzzese e la Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, due tra le dodici istituzioni concertistico-orchestrali riconosciute dallo Stato e che negli ultimi anni hanno anche realizzato, con il coordinamento della Società Filarmonica Ascolana, l’ambizioso progetto multiregionale della Filarmonica dell’Adriatico, con l’unione delle due orchestre per alcune produzioni che hanno visto Ascoli come sede di prove e debutto del primo concerto.

Tre appuntamenti con la musica d’autore sono promossi dall’Amat a partire dal 12 febbraio con due interpreti d’eccezione, l’attore Elio Germano e il musicista Teho Teardo che si esibiscono all’Auditorium Montevecchi con Viaggio al termine della notte di Louis-Ferdinand Celine in una versione completamente rinnovata nelle musiche e nei testi.
Il 20 febbraio al Teatro Ventidio Basso è la volta dell’anteprima nazionale del nuovo disco Birth firmato dal compositore ascolano Dario Faini o meglio conosciuto come Dardust, nome del progetto solista di Dario Faini che negli ultimi anni è diventato uno dei songwriter più importanti del panorama italiano avendo firmato successi per artisti come Marco Mengoni, Francesco Renga, Cristiano De Andrè, Fiorella Mannoia, Emma Marrone e Noemi.
A chiudere il trittico un’attesa novità di questa stagione: APP – Ascoli Piceno Present.

Per la prima volta, infatti, la città di Ascoli offre al suo pubblico il 15 e 16 aprile un vero e proprio Festival multidisciplinare delle arti sceniche contemporanee un punto di arrivo di una programmazione che da due anni offre uno sguardo sui nuovi linguaggi della scena.
Realtà musicali ed artisti – la Form, Julia Kent, Mauro Ermanno Giovanardi-Trio, Persian Pelican e Sorge (Emidio Clementi e Marco Caldera) – si alterneranno in diverse suggestive lacation dal pomeriggio a notte fonda.

L’Associazione Coro Ventidio Basso di Ascoli Piceno diretta dal maestro Giovanni Farina propone il 22 marzo presso il suggestivo scenario della Cattedrale Basilica di Sant’Emidio la Messe de Requiem op.48 di Gabriel Faurè per soli, coro e orchestra.

In conclusione il 7 maggio all’Auditorium Montevecchi l’omaggio a Bruno Bettinelli dal titolo Il maestro dei maestri a cura dell’associazione culturale ascolipicenofestival, presieduta da Emanuela Antolini, nell’ambito delle sue attività annuali. Lo chiamano tutti “il maestro dei maestri” e non poteva essere altrimenti perché, nella sua classe hanno studiato e si sono formati mostri sacri della musica italiana e mondiale come Riccardo Muti, Claudio Abbado, Maurizio Pollini e tanti altri non solo nell’ambito della musica colta.
Al mattino e nel pomeriggio con un incontro-studio rivolto a musicisti, agli studenti ed agli appassionati di tutta Italia sulle tecniche compositive di Bettinelli desunte dall’analisi di alcuni dei suoi lavori, la sera il concerto alla presenza della signora Silvia Bianchera Bettinelli vedova del Maestro.

Info e prenotazioni: biglietteria del teatro 0736 244970

(Letto 388 volte, 2 oggi)