Dario Faini, nome d’arte Dariodust, presenterà sabato 2o febbraio il suo nuovo disco, “Birth”, al Teatro Ventidio Basso di Ascoli.

Anticipato da “The Wolf”, “Birth” è stato registrato in Islanda nei Sundlaugin Studio (dove hanno registrato, tra gli altri, anche Sigur Ros, Jon Hopkins, Damien Rice etc) e precede il terzo capitolo che verrà registrato a Londra. Prodotto ed arrangiato da Dario Faini (Dardust) e Vanni Casagrande, “Birth” mette in risalto ed estremizza le due anime di Dardust, quella neoclassica e quella elettronica, creando un netto distacco con “7”, il disco d’esordio pubblicato a marzo 2015 in cui il minimalismo pianistico si fonde naturalmente con l’elettronica. In “Birth” invece questo stacco si fa più accentuato ed il disco è strutturato concettualmente in due parti, 5 brani “slow”, che si ricollegano al percorso neoclassico intrapreso con “7” e 5 brani “loud”, che portano il sound verso il terzo album, che verrà registrato a Londra. Filo conduttore della trilogia è infatti il viaggio sonoro che, percorrendo l’asse geografico-musicale Berlino-Reykjavic-Londra, porta l’ascoltatore alla scoperta dei differenti suoni che caratterizzando le tre città.

“Birth” uscirà a fine marzo con etichetta Inri, secondo capitolo della trilogia. Il film-documentario che accompagna “7” è stato girato in Islanda, diretto da Alessandro Marconi, e si intitola “Slow is the new cloud”.

 

(Letto 160 volte, 1 oggi)