GROTTAMMARE – Negli anni in cui il primo di luglio cade di domenica – evento che avviene molto raramente, ogni sei, cinque, sei e undici anni – a Grottammare si celebra la Sacra, la più importante festa religiosa e civile della nostra Città. La sua tradizione affonda le radici nel Medioevo, poiché ricorda l’approdo di fortuna che Papa Alessandro III fu costretto a compiere nell’antico porto di Grottammare. Era il 1177, imperversava allora la lotta tra il Papato e l’impero di Federico Barbarossa. Si dice che il Pontefice, ringraziando la città per la calorosa accoglienza, abbia concesso in perpetuum il privilegio dell’indulgenza plenaria, confermato da una bolla papale del 1973.

La memoria di questo avvenimento dura ancora oggi e continua ad essere festeggiata con numerosi eventi, tra i quali spicca lo scenografico Corteo storico del primo luglio che – grazie alla partecipazione di più di 700 figuranti – rievoca le vicende principali della storia di Grottammare.

La prossima Sacra si celebrerà nel 2018, ma dal 2012, per fare in modo che il ricordo di questa tradizione si consolidasse maggiormente, è stato introdotto un nuovissimo evento.

Lo sbarco di Papa Alessandro III, un appuntamento annuale prodotto per l’occasione. Tra baleni di luce e fuochi di artificio che simboleggiano la tempesta, Papa Alessandro III giungerà dal mare sopra una magnifica imbarcazione, scortato dai templari e accompagnato dai cardinali, per poi attraversare in corteo la Città e assistere ai festeggiamenti organizzati per l’occasione. Un appuntamento unico da non perdere.

Domenica 3 luglio in Piazza Kursaal e vie del centro dalle ore 21,30 Rievocazione storica e sfilata dello sbarco. Spettacolo pirotecnico e corteo in costumi d’epoca.

(Letto 412 volte, 1 oggi)