MONTALTO MARCHE – Anche quest’anno torna il consueto appuntamento con la manifestazione  “Lavandaso, festa della lavanda della Valdaso”, un evento giunto ormai alla sua quinta edizione che si svolgerà domenica 26 giugno 2016 presso il Mulino di Sisto V nella Valdaso di Montalto Marche.

La manifestazione è nata come forma di promozione del territorio piceno, in particolare della Valdaso, attraverso il recupero della coltivazione della lavanda, pianta simbolo del suggestivo patrimonio delle erbe naturali, eduli, officinali e tintorie autoctone del nostro territorio con tutte le numerose declinazioni che la valorizzazione di questi prodotti naturali porta inevitabilmente con sé: agricoltura ecosostenibile, turismo di qualità, salubrità degli stili di vita, sviluppo economico, tutela dell’ambiente, della biodiversità, del territorio. Ricco e versatile il programma della manifestazione organizzata dall’Associazione di Tutela e Valorizzazione della Valdaso, in collaborazione con la costituenda cooperativa “Rocca Madre” e con il Laboratorio Piceno sulla Dieta Mediterranea, con il Patrocinio del Comune di Montalto delle Marche.

Tema guida di questa edizione: “Le Marche e la dieta mediterranea: uno stile di vita”, argomento di grande interesse che sarà trattato da esperti, giornalisti, docenti, professionisti e imprenditori nella sezione convegni e seminari che si svolgerà in mattinata e che sarà articolata su tre filoni principali: l’agricoltura di qualità narrata attraverso progetti innovativi che propongono modelli trasformativi della società e del rapporto tra l’uomo e l’ambiente in cui opera; l’ospitalità fatta seguendo il modello del turismo relazionale ed esperienziale legato alle tradizioni culinarie e culturali del nostro territorio; la proposta di una ristorazione locale quale prima ambasciatrice di un rapporto nuovo con la cucina tradizionale e identitaria. Questo ultimo punto sarà trattato tramite il coinvolgimento di scuole alberghiere e noti chef della zona che saranno chiamati a reinterpretare in chiave moderna i pilastri della tradizione culinaria picena sfidandosi in una performance di show cooking sul tema “Il pesce di campagna”: strummu, sardelle e vaccalà”.

Sempre in mattinata sarà inaugurata la mostra dell’artista francese Coquelicot Mafille “I Pionieri dell’agricoltura naturale” con opere su tela di iuta riciclata, dipinta a colori acrilici, organizzata dall’Associazione Culturale Sibilla Arte con sede a Carassai. Durante la manifestazione sarà attivo un mercatino cui parteciperanno espositori di prodotti naturali e biologici, artigiani e aziende del territorio in un clima di festa e convivialità allietato anche dallo spettacolo degli sbandieratori della Cavalcata dell’Assunta di Fermo, dal “battesimo della sella” a cura dell’Associazione “Walchirie e Caballeros” di Appignano del Tronto, fino al concerto finale previsto in serata affidato al Duo Fiore (chitarra e violoncello) con intervento del flautista Dante Milozzi.

Nel corso della giornata sono previsti interessanti laboratori didattici e sensoriali per adulti e bambini a cui sarà possibile iscriversi nei giorni precedenti la manifestazione e nel corso della giornata stessa. (Laboratorio di pizza e panificazione, passeggiata fotografica; pizzica sensoriale: Arte e movimento; dimostrazione pratica di riutilizzo di materiali di riciclo; distillazione dell’olio essenziale di lavanda e confezionamento sacchetti di lavanda; avvicinamento allo yoga e alla pratica dello djembè; avvicinamento all’organetto e al saltarello marchigiano; passeggiata di conoscenza delle erbe spontanee e del paesaggio, laboratorio espressivo in terra cruda).

Nel corso della manifestazione sarà possibile degustare piatti tipici della gastronomia picena.

Per maggiori informazioni, per iscriversi ai laboratori, o per partecipare come espositori è possibile rivolgersi al seguente indirizzo lavandasofest@gmail.com oppure chiamare il 3334564649 o il 3286717893.

(Letto 265 volte, 1 oggi)