SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un viaggio diverso nella storia del Mediterraneo. Il Museo delle Anfore, come suggerisce il nome, raccoglie una collezione invidiabile di questi manufatti, che anticamente erano adibiti al trasporto di olio e vino sulle navi. Diversi per tipologia e cronologia, i vari pezzi sono stati recuperati lungo tutto il Mediterraneo; quando la pesca a strascico era ancora praticata massicciamente dai motopescherecci sambenedettesi, non era raro che le reti facessero riemergere antichi reperti dai fondali, costellati di relitti. Il dottor Giacomo Perotti, in particolare, possedeva molti di questi reperti; dopo che li ebbe donati al Comune, nel 1988, fu istituita la struttura che tutt’ora porta il suo nome.

Oggi il Museo possiede anfore provenienti dall’Egeo e dallo Ionio, dal Tirreno, dal mare di Sicilia, e naturalmente dall’Adriatico. Preparatevi dunque ad un tuffo nel passato e nella geografia; insieme alle anfore troverete anche splendide ricostruzioni a grandezza naturale, e interessanti informazioni sulle tecniche di archeologia subacquea.

Il Museo delle Anfore rimarrà aperto dal 15 giugno al 15 settembre con il seguente orario: dal martedì alla domenica dalle ore 18 alle 24 (Orario estivo). A San Benedetto del Tronto, in Viale Colombo.

Per info: 0735 592177

(Letto 56 volte, 1 oggi)